PEDRO RODRIGUEZ

Pedro Rodriguez nacque a CittÓ del Messico il 18 gennaio 1940 in una ricca famiglia di appassionati di motori. Debutt˛ in motocicletta, rivelando subito la stoffa del campione, poi pass˛ alle auto. Ottenne le prime grandi affermazioni nel 1961 e 1962 correndo col fratello minore Ricardo sulle Ferrari Sport. Dopo lo smagliante successo nella 1000 Km di Parigi, Ricardo morý provando una Lotus Formula 1 .Superato il comprensibile smarrimento, Pedro Rodriguez torn˛ a far parlare di sÚ nel 1967, quando debutt˛ in Formula 1. Con una Cooper - Maserati vinse il Gran Premio del Sudafrica e ottenne due quinti posti a Monaco e a Silverstone. Nel 1968 guid˛ per la BRM e a fine stagione si classific˛ sesto nel Campionato Mondiale Piloti, grazie al secondo posto nel G.P. del Belgio, al terzo in Olanda e in Canada, al quarto in Messico e al sesto in Germania. Ma la migliore prestazione della stagione rimase la splendida vittoria con una Ford GT 40 nella 24 Ore di Le Mans, in coppia con Luciano Bianchi. Nel 1969 Pedro disput˛ qualche corsa con le Ferrari Formula 1 e Sport: con le monoposto non and˛ oltre un quinto posto nel G.P. degli Stati Uniti, con le Sport - Prototipo 312 P si classific˛ invece secondo nella 1000 Km di Spa e quarto nella 000 Km di Brands Match. Giunse quarto anche a Watkins Glen, ma questa volta pilotando una Matra 630. Nel 1970 l'irruente messicano sigl˛ un contratto con la Porsche per guidare le impegnative 917 nel Campionato Mondiale Marche: vinse la 24 Ore di Daytona, la 1000 Km di Brands Match, la 1000 Km di Monza, la 6 Ore di Watkins Glen e arriv˛ quarto a Sebring. Sempre per la Porsche guid˛ anche una leggera 908, con la quale si classific˛ secondo nella Targa Florio. Per quanto riguarda la Formula 1, nel 1970 Pedro continu˛ con la BRM, aggiudicandosi il G.P. del Belgio, arrivando secondo negli Stati Uniti, quarto in Austria e in Canada, sesto a Monaco. Nel 1971, ancora con la Porsche nel Campionato Mondiale Marche e con la BRM in Formula 1 biss˛ le brillanti prestazioni dell'anno prima. Vinse, infatti, la 24 Ore di Daytona, la 1000 Km di Monza, la 1000 di Spa e dell'Osterreichring; si piazz˛ secondo a Buenos Aires e quarto al NŘrburgring. Poi Pedro non riuscý a dire di no all'amico Herbert Muller e agli organizzatori, che in luglio gli offrirono una vecchia Ferrari 512 S per partecipare a una gara di secondaria importanza sul circuito del Norisring. Durante il viaggio verso la Germania, Pedro perse in aeroporto il suo anello porta fortuna. Pessimo presagio! In gara, probabilmente per un guasto, la sua Ferrari uscý di strada e s'incendi˛. Pedro raggiunse il fratello. 


1960. 44^ TARGA FLORIO. Una malconcia FERRARI DINO 196 S concluderÓ al settimo posto assoluto condotta dagli scatenati fratelli RODRIGUEZ, RICARDO e  PEDRO.

44^ TARGA FLORIO
8 maggio 1960
I fratelli RODRIGUEZ ai box di Floripoli.

54^ TARGA FLORIO
3 maggio 1970
PEDRO RODRIGUEZ CON LEO KINNUNEN CONDUCONO LA GULF-PORSCHE 908-3 AL 2^ POSTO ASSOLUTO

Panteˇn Espa˝ol
Mexico City